Sub in Sardegna
GENNAIO - Bennarzu


IN TUTTA LA SARDEGNA ARDONO I FUOCHI IN ONORE DI SAN ANTONIO ABATE

A San Basilio il 2 gennaio festa del Santo con processione, ballo in piazza, gara poetica e distribuzione di dolci e vino.

Le sagre di questo mese sono caratterizzate da grandi falò intorno ai quali si svolgono festeggiamenti in onore di un santo come a Tramatza (S. Efisio, metà gennaio) e Abbasanta (S. Antonio Abate, intorno al 17).

A Villagrande Strisaili, in occasione della festa di San Antonio Abate, che si festeggia il 17 gennaio è tradizione preparare in casa il pane di San Antonio, chiamato "sa paniscedda", a base di noci, mandorle, miele e uva passa. La notte precedente e la notte del 17 gennaio, in occasione della festa di San Antonio Abate,  è tradizione allestire un grande falò in ogni rione del paese. La leggenda vuole che sia stato San Antonio Abate a portare ai villagrandesi il fuoco dall'Inferno con il suo bastone acceso. Il 20 gennaio subito dopo la festa di San Antonio Abate in occasione della processione, la statua è ricoperta da rami di arancio con relativo frutto. Secondo la leggenda San Sebastiano fu legato ad una pianta d'arancio e trafitto con le frecce durante le persecuzioni contro i cristiani durante il periodo dell'imperatore Diocleziano.

A Lula, sempre in onore di S. Antonio la famosa "aranzata" (dal dolce caratteristico a base di arance).

A Lodè il 16 gennaio S'Eremu e in serata il fuoco in onore di S. Antonio.

I programmi delle manifestazioni sono pubblicati nel periodo di effettuazione nelle pagine "Feste segnalate" o "Feste di lunga durata" vengono inoltre comunicati agli iscritti tramite Twitter/festeinsardegna.

Volete partecipare a una "festa"? Cercate qui la miglior sistemazione nella località che desiderate.